Menu Chiudi
Posted in al Mare, In Italia

Ostuni: ecco cosa vedere nella famosa Città Bianca

ostuni
CONDIVIDI SU:

Situata in Puglia, in provincia di Brindisi, Ostuni è famosa per essere la città bianca per eccellenza grazie alla calce, utilizzata sia perché è un materiale facilmente reperibile sia perché è un disinfettante naturale. Scoprite cosa vedere, cosa fare e dove alloggiare a Ostuni.

Il nome Ostuni deriva dal greco astu-neon (città nuova) ed era già abitata nel Paleolitico; nel Medioevo vi passarono i Saraceni e i Bizantini e nel Rinascimento ebbe un certo sviluppo artistico. Camminando per il centro della città, troverete chiese splendide, piazze piene di vita mentre le spiagge sono incredibili con acque cristalline da farvi sembrare alle Maldive! Ecco allora le cose che non dovete perdervi durante un weekend a Ostuni.

© stock.adobe

 


Ostuni: cosa vedere nella famosa Città Bianca

Le Mura Aragonesi

Se c’è una cosa che non dovete perdervi a Ostuni sono le mura aragonesi, costruite inizialmente dagli Angioini tra il 1350 e il 1356 per difendersi dalle invasioni dei Saraceni e nel 1487 furono ampliate dagli Aragonesi per proteggersi dai Turchi. Potrete passeggiare ammirando il bellissimo panorama ed essere circondati da un pezzo di storia!

mura aragonesi ostuni
© stock.adobe

La Concattedrale

Situata sulla sommità del colle più alto della città e dedicata a Santa Maria dell’Assunzione, la cattedrale venne iniziata nel 1435 e completata tra il 1470 e il 1495 per volere dei sovrani del Regno di Napoli Ferdinando d’Aragona e Alfonso II.

concattedrale ostuni
© stock.adobe

 


La facciata è tipicamente gotica, con il grande rosone al centro mentre l’interno è diviso in tre navate con il soffitto riccamente decorato e ai lati delle splendide cappelle barocche.

È stata elevata a concattedrale dell’arcidiocesi di Brindisi-Ostuni nel 1986 mentre nel 2011 è stata insignita del titolo di basilica minore.


© stock.adobe

L’Obelisco di Sant’Oronzo

Alto quasi 21 metri e situato in Piazza della Libertà, l’obelisco è dedicato al santo patrono della città in quanto nel 1740 Sant’Oronzo protesse gli abitati dalla peste. Venne scolpita in stile barocco nel 1771 dall’ostunese Giuseppe Greco.

obelisco ostuni
© stock.adobe

 

La statua del santo è collocata all’apice dell’obelisco, rappresentato nell’atto di benedire la città, invece a metà altezza su una balaustra troviamo delle statue di santi mentre alla base degli angeli sorreggono delle iscrizioni scolpite.


 

Il Museo di Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale

Questo museo fu aperto al pubblico nel 1989 nell’ex monastero carmelitano dedicato a Santa Maria Maddalena dei Pazzi con l’annessa chiesa di San Vito. Inizialmente doveva esporre i reperti venuti alla luce nell’agro di  Ostuni ma oggi ospita anche quelli provenienti dall’area delle Murge meridionale.

© stock.adobe

 

Potrete ammirare reperti del Paleolitico e nel 2005 venne organizzata una mostra sulle iscrizioni messapiche (l’antica tribù locale del Salento) e greche. Al museo è conservato uno scheletro conosciuto come la Donna di Ostuni, una ragazza di circa 20 anni morta di parto circa 27.000 anni fa, insieme al suo bambino; potrete ammirare anche il corredo funerario ritrovato con lei.

 


Il Museo Diocesano

All’interno del Palazzo dell’Episcopio, potrete visitare il Museo diocesano che custodisce diverse opere d’arte. Il museo, riaperto al pubblico dal 2018, custodisce un grande patrimonio storico-artistico sia della Chiesa che archeologico, specialmente di epoca messapica.

© stock.adobe

 

Pagando un biglietto al prezzo di 4€, troverete paramenti liturgici del Settecento e un Cristo anatomico in cera. Potrete visitare anche il Giardino dei Vescovi dove potrete godere di un attimo di pace, serenità e bellezza.

 

La Chiesa di S. Giacomo di Compostela

Molto importante per la città di Ostuni è la chiesa di San Giacomo di Compostela, edificata nel 1423 per volere della famiglia Caballerio originaria della città di Brindisi.

© stock.adobe

 

Di notevole importanza artistica è l’archivolto sopra la porta d’ingresso, in stile gotico con una decorazione floreale e antropomorfa che sembra quasi un ricamo. L’interno è di piccole dimensioni proprio perché originariamente era la cappella della famiglia Caballerio di cui troviamo lo stemma. La particolarità di questa chiesa è che l’abside è visibile passeggiando su Viale Oronzo Quaranta con al centro un monofora medievale.

© stock.adobe

 

Come arrivare a Ostuni 

L’aeroporto più vicino a Ostuni è quello di Brindisi, collegato con le più importanti città italiane grazie alla compagnia Ryanair. Prendendo la linea Bus Aeroporto – Centro – Costa Morena (costo del biglietto: 1€ ) in 10/15 minuti arriverete alla stazione centrale di Brindisi.

Da lì potrete raggiungere Ostuni in treno, che dista solo una ventina di minuti. Per il biglietto e l’orario consultate il sito di Trenitalia.  Dato che la stazione è lontana dal centro storico, dovrete prendere l’autobus cittadino il cui biglietto ha un costo di 0,90€.

Per gli auto muniti, dovrete prendere la Strada Europea E55 per Brindisi-Lecce e continuare per circa 60 km quindi prendere la prima uscita per Ostuni. L’uscita consigliata è “OSTUNI/PILONE/ROSA MARINA” oppure “OSTUNI/VILLANOVA”.

Hotel e b&b a Ostuni

I 7 archi: nel cuore delle stradine bianche del centro storico di Ostuni, l’edificio è uno scorcio dell’antica architettura salentina: volte a stella, muri spessi, bianco brillante. Accessibili con alcuni gradini, tutti i monolocali sono indipendenti e dispongono di un angolo cottura, una camera da letto e un bagno; alcuni hanno una terrazza arredata con vista panoramica.

La Masseria Salinola: una delle più antiche masserie della regione, che unisce la bellezza del luogo, la gentilezza dei suoi proprietari e pasti divini. Le camere, nelle quali domina il bianco della pietra pugliese, sono molto confortevoli. I vecchi attrezzi agricoli sono stati trasformati in oggetti decorativi, il tutto per immergersi in un’atmosfera unica, tra passato e presente. Alcuni bagni sono dotati di un hammam. Qui potrete godere di un soggiorno rilassante in una struttura tranquilla con un’elegante piscina all’aperto.

Ostuni Palace: un hotel elegante con spa e una vista mozzafiato su Ostuni. 34 camere luminose, arredate con gusto e dotate di tutti i comfort di un hotel 4 stelle. Situato a 5 minuti a piedi dalla piazza principale, sarà il punto di partenza ideale per scoprire la città e i suoi dintorni. Un’enorme terrazza all’ultimo piano vi accoglierà per i vostri momenti di relax mentre vi godete il panorama e un buon bicchiere di vino. Infine, il ristorante delizierà le vostre papille gustative con piatti a base di prodotti tipici, da gustare sotto le volte di pietra dolcemente illuminate.

b&b Casa del Sole: offre una camera doppia molto confortevole con bagno, connessione wifi, accesso indipendente e solarium privato con lettini. I proprietari vivono in un’affascinante vecchia casa in pietra con tre trulli. L’ambiente è incantevole in tutte le stagioni, così come la loro abbondante e deliziosa colazione. È difficile lasciare questo angolo di campagna vicino a Ostuni, tranquillo e rilassante.


Vi potrebbe interessare…

Le Maldive del Salento, un vero paradiso in Puglia

maldive-del-salento-pescoluse

CONDIVIDI SU:

Guarda anche...



Guarda anche...