Menu Chiudi
Posted in Isole

Zante: cosa vedere, cosa fare e come arrivare sull’isola greca

CONDIVIDI SU:

Zante, il cui nome originario era Zacinto (Zákynthos), conta circa 35mila abitanti e sono migliaia i turisti che la visitano ogni anno. È considerata, infatti, una delle isole più belle di tutta la Grecia.

 

Cosa vedere e fare a Zante?

Zante, celebre anche per aver dato i natali a Ugo Foscolo, è una delle isole più amate della Grecia. Scoprite le cose da vedere assolutamente sull’isola.

 


Zante città

Caratterizzata da molti ristoranti, negozi, bar e locali di ogni tipo, con un porto molto trafficato, Zante città è il centro cittadino che dà il nome all’isola. Nel 1953 fu distrutta da un terremoto e in seguito ricostruita interamente.

zante città

 

Vi consigliamo di non lasciarvi sfuggire una visita al centro cittadino con una cena sulla collina di Bochali, dalla quale godrete di una vista sensazionale sull’intera isola. Qui si trova anche il castello veneziano di Bochali, del quale oggi sono rimasti solo il portale d’ingresso e le mura esterne.


Inoltre, in via Foskolou 61 c’è la casa in cui nacque Ugo Foscolo nel 1778 e in cui visse fino al 1785, ricostruita nel 2016 dopo essere stata rasa al suolo dal terremoto. All’esterno della casa vi è il cenotafio del poeta con la statua dell’Angelo Piangente.

 

Spiaggia del Relitto

Navagíou (Navagio) o Spiaggia del relitto è una delle spiagge più famose e fotografate al mondo.

spiaggia del relitto


 

È formata da ciottoli bianchi ed è riparata da venti e correnti grazie alla sua posizione, che la vede circondata da due promontori, i quali la rendono accessibile solo dal mare.

Prende il nome dalla barca di contrabbandieri che naufragò lì nel 1983 e che, ancora oggi, è presente sulla spiaggia, in quanto elemento simbolo di questa spiaggia di Zante.

A causa della folla, nei periodi di alta stagione, è possibile sostare per poco tempo, ma ne varrà la pena perché potrete godere delle sue meravigliose acque turchesi e della sua atmosfera magica.

 

Porto Limniosas

La spiaggia di Porto Limniosas è una baia splendida che si trova nella zona ovest di Zante, ma non è facilmente raggiungibile.

 


Se arrivate dal mare, vi troverete di fronte ad un’insenatura molto stretta. Se invece arrivate da terra, dovrete raggiungere prima Agios Leon e da lì proseguire per qualche km su una strada asfaltata che termina in uno spiazzale in cui potrete parcheggiare.

Vale la pena trovare il modo di raggiungerla perché è uno dei posti più belli dell’intera isola.

 

Gerakas

La spiaggia di Gerakas si trova sulla punta sud dell’isola ed è zona estremamente protetta. Infatti, qui vi depongono le uova le tartarughe che, da maggio a ottobre, nelle prime ore del mattino, si schiudono.

spiaggia di gerakas

 

Proprio per questo sono vietati l’ancoraggio e l’arrivo in canoa, occorre fare attenzione alla disposizione degli ombrelloni e, inoltre, la spiaggia non è visitabile da mezz’ora prima del tramonto a mezz’ora prima dell’alba.

 

Blue Caves

Le Grotte Blu di Zante, formazioni geologiche che hanno dato forma a una successione di grotte e archi naturali, sono una delle principali attrazioni dell’isola.

grotte blu a zante

 

Si possono raggiungere in barca dalla spiaggia di Makris Gialos o dal porto di Agios Nikolaos oppure a piedi scendendo circa 100 gradini da una stradina nei pressi del faro di Capo Skinari. Vale la pena tuffarsi e godersi lo spettacolo con maschera e occhialini.

 

Laganas

Fino a pochi anni fa piccolo villaggio, oggi Laganas è la zona più turistica dell’isola di Zante, nella quale si concentrano discoteche, ristoranti, bar e locali di vario tipo.

laganas a zante

Nei tantissimi hotel e residence presenti, alloggiano soprattutto i giovani e coloro che amano la vita mondana. La baia di Laganas, inoltre, è una zona protetta in quanto luogo di riproduzione delle tartarughe marine.

 

Il faro di Keri

Il faro di Keri è considerato il punto panoramico più bello di Zante, dal quale vi consigliamo di ammirare un tramonto.

faro di keri

 

Si tratta di una costruzione a picco sul mare realizzata nel 1925 e alta 200 metri, dalla quale si gode di un panorama mozzafiato sullo Ionio e sulle Mizithres.

 

Le grotte di Keri

Lungo la punta sud-ovest di Zante si trovano le Grotte di Keri, che si estendono per 18 km e sono raggiungibili soltanto in barca da Laganas e Keri.

Si tratta di un luogo perfetto per chi ama lo snorkeling e il diving. Potrete ammirare pareti rocciose a picco sul mare e numerosi anfratti e grotte più piccole, in alcune delle quali si può entrare solo a nuoto.

Di solito, vi sono tour che partono dalla piccola spiaggia di Lemni Kerioú e comprendono anche Capo Marathia e i faraglioni Mzitres, ossia due coni rocciosi su una spiaggia di sabbia finissima.

 

Isola di Marathonisi

L’isola di Marathonisi è considerata l’isola delle tartarughe, in quanto uno dei luoghi di riproduzione delle “caretta-caretta”.

Isola di Marathonisi a zante

 

Non è possibile l’ancoraggio in quanto luogo protetto, ma potete accedervi in canoa. L’isola ha due spiagge, che sono una di sassi e l’altra di sabbia.

 

Dove si trova l’isola di Zante?

Zante, conosciuta anche come Zacinto o Zakynthos, è la terza per grandezza tra le isole Ionie della Grecia ed è quella posizionata più a sud. Si estende in un’area di circa 405 Km², dista 300 km ad ovest da Atene ed è collegata con il Peloponneso da un servizio di traghetti che effettua corse ogni giorno.

Il clima dell’isola è mediterraneo e temperato con precipitazioni abbondanti in primavera ed estati molto calde e secche, con temperature che sfiorano i 45 °C.

Come arrivare a Zante?

In aereo: l’Aeroporto di Zante Dionysios Solomos è il sesto della Grecia per traffico. In estate è molto semplice trovare voli dalle principali città italiane. Nel resto dell’anno, invece, occorre scendere ad Atene o in altre città perché la maggior parte dei voli internazionali opera su base stagionale.

Una volta atterrati sull’isola, potrete raggiungere la zona in cui alloggiate in vari modi, quali i taxi, le navette prenotate direttamente tramite la struttura oppure gli autobus di linea che trovate all’uscita dall’aeroporto.

In traghetto: durante il periodo estivo è possibile imbarcarsi dai porti di Bari o Brindisi con un viaggio che dura dalle 16 alle 20 ore. In alternativa, potete imbarcarvi dai porti di Venezia, Trieste e Ancona per Patrasso, con un viaggio che va dalle 20 alle 32 ore.

Da Patrasso, poi, potete raggiungere il porto di Killini e prendere un traghetto per Zante, che impiega circa un’ora e un quarto.

 

Foto | © stock.adobe


Vi potrebbe interessare…

Santorini: cosa vedere e fare sull’isola più famosa della Grecia

CONDIVIDI SU:

Guarda anche...



Guarda anche...

Trova Offerte Hotel