Menu Chiudi
Posted in In Italia

Pistoia: ecco cosa vedere durante un weekend

pistoia
CONDIVIDI SU:

Pistoia è stata nominata Capitale della Cultura nel 2017, cosa che ha permesso di far conoscere meglio i suoi tesori artistici.  Scoprite le cose più importanti da vedere a Pistoia.

 

Pistoia: ecco cosa vedere durante un weekend

Ricca di opere d’arte conservate, ad esempio, nel Duomo o nel Battistero, Pistoia è una città piccola, tranquilla, e visitabile a piedi. Se siete amanti dell’arte e vi trovate in Toscana, non potete perdervela. Ecco dunque cosa vedere assolutamente per un tranquillo weekend a Pistoia.

 

Piazza del Duomo

piazza del duomo
© stock.adobe

 

Piazza del Duomo è rimasta intatta nel corso dei secoli, rendendola una delle più belle d’Italia. Troverete il Duomo fiancheggiato da un campanile trecentesco alto ben 67 metri, mentre a destra il Palazzo Vescovile.


Di fronte al sagrato del Duomo, si innalza il Battistero e tutt’attorno lo circondano i palazzi del potere cittadino: il Palazzo del Potestà, oggi sede del tribunale, e il Palazzo del Comune. Alla destra del palazzo comunale, si innalza torre di Catilina dove, stando alla leggenda, vi si troverebbero le spoglie mortali del miliare romano.

 


Il Duomo e il campanile

duomo pistoia
© stock.adobe

 

Sebbene il santo patrono sia San Jacopo, ossia San Giacomo Maggiore,  il Duomo di Pistoia è dedicato a San Zeno, infatti i due santi sono rappresentati sulla cuspide, nella facciata.

La scelta di San Jacopo come santo patronale avvenne nel 849 quando i pistoiesi gli chiesero protezione dall’invasione dei Saraceni, che non avvenne. Nel 1145, il vescovo di Pistoia Sant’Atto chiese e ottenne dal vescovo di Santiago de Compostela una reliquia di San Giacomo che fu messa su un altare all’interno di una cappella a lui dedicata. Così, la città divenne meta di pellegrinaggio soprattutto da parte di chi rientrava da Compostela.


L’interno, diviso in tre navate, custodisce opere d’arte quali il Crocifisso di Coppo di Marcovaldo, il monumento tombale di Cino da Pistoia o la Cappella del Crocifisso, dove troverete l’altare di San Jacopo realizzato da orafi pistoiesi e fiorentini.

campanile pistoia
© stock.adobe

 

Potrete visitare anche il campanile trecentesco da cui, dopo aver salito 200 gradini, potrete ammirare il panorama pistoiese e, nei giorni di sole, potrete persino vedere il Campanile e la Cupola del Duomo di Firenze. Per la visita, consultate il sito Medieval Italy.

 

Il Battistero di San Giovanni

battistero pistoia
© stock.adobe

 


Il Battistero, dedicato a San Giovanni in Corte, sorge dove un tempo si trovava la chiesa di Santa Maria in Corte, e fu costruito tra il 1301 e il 1366. All’interno dell’edificio, spicca la fonte battesimale costruita da Lanfranco da Como, di cui potrete leggere la firma all’interno della vasca.

 

L’Ospedale del Ceppo

ospedale del ceppo
© stock.adobe

 

Se c’è un luogo che merita di essere visitato, con un biglietto di 6,50€, è l’ Ospedale del Ceppo, il cui fregio posto sulla facciata è un vero capolavoro del Rinascimento.

ospedale del ceppo
© stock.adobe

 

Realizzato in terracotta invetriata policroma, racconta la storia sanitaria e assistenziale raffigurata tramite le Virtù e le sette opere della Misericordia. Il fregio venne voluto dal frate certosino Leonardo Buonafede.

L’ospedale sorse nel 1277 sul punto in cui due coniugi, Antimo e Bendinella, trovarono un ceppo fiorito d’inverno (da qui il nome) dopo che era apparsa la Madonna. L’edificio fu in attività fino al 2013, quando venne costruito il nuovo ospedale San Jacopo. Oggi è la sede del Museo dei ferri chirurgici, un laboratorio di farmacia e il Teatro Anatomico più piccolo del mondo.

sotterranei ospedale del ceppo
© stock.adobe
Con lo stesso biglietto, potrete partire per un viaggio alla scoperta della Pistoia Sotterranea dove, in un percorso di 600 m, ammirerete un ponte romano, i lavatoi medievali, una porta della città e due mulini.

La Pieve di Sant’Andrea

pieve di sant'andrea pistoia
© stock.adobe

 

Ci sono due cose che colpiscono maggiormente in questa chiesa: la decorazione sulla facciata con la rappresentazione della cavalcata dei Re Magi e il Pulpito di Giovanni Pisano all’interno. La scelta di rappresentare il viaggio dei Re Magi sta nel fatto che Pistoia era un punto di passaggio per i pellegrini diretti a Santiago de Compostela, come abbiamo detto poc’anzi, e la pieve era una chiesa che si affacciava lungo la Via.

© stock.adobe

 

All’interno, invece, resterete meravigliati dal Pulpito scolpito da Giovanni Pisano tra il 1298 e il 1301. Simile a quello di Pisa, è formato da 7 colonne di porfido delle quali due poggiano su un leone e due su un’aquila e su un grifo (simboli delle virtù di Cristo) e una sulla figura di Adamo, piegato dal peso del suo peccato.

A completare la decorazione, ci sono figure di apostoli, evangelisti ed episodi del Nuovo Testamento. Sempre di Pisano, potrete ammirare anche il Crocifisso sulla navata destra e la fonte battesimale.

 

Piazza della Sala

piazza della sala pistoia
© stock.adobe

 

Dietro il Battistero, troverete Piazza della Sala, circondata da vie dai nomi quali: via del Cacio, via dei Fabbri, via degli Orafi, via del Lastrone (dalla grande pietra su cui veniva esposto e venduto il pesce) che fanno capire che questo punto era quello commerciale.

Accanto si trova Piazza degli Ortaggi, dove si vendevano le verdure, e al centro di Piazza della Sala si trova la fontana del Leoncino dove si poteva recuperare l’acqua ma che veniva usato anche come discarica dai macellai. In Piazza della Sala e degli Ortaggi, viene ancora svolto il mercato ma è diventato anche il centro della movida cittadina, grazie ai suoi bar, pub e ristoranti.

 

Come arrivare a Pistoia?

In aereo + treno: gli aeroporti più vicini sono quelli di Firenze e Pisa, collegati con le principali città italiane grazie alle compagnie Alitalia e Ryanair. Se atterrate a Firenze, potrete raggiungere la stazione centrale grazie alla linea del tram “linea 2”.

Se, invece, atterrate a Pisa tramite la navetta PisaMover, potrete raggiungere la stazione centrale pagando un biglietto di 5€. In treno, Pistoia è sulla linea ferroviaria Firenze-Lucca-Viareggio. Per sapere orari e prezzi del biglietto, visitate il sito di Trenitalia.

In auto: per gli auto muniti, Pistoia è raggiungibile grazie all’Autostrada A11 “Firenze-Mare” con uscita “Pistoia”. Chi viene da Milano o da Roma dovrà percorrere l’Autostrada A1 direzione Firenze, prendere lo svincolo Firenze Nord quindi immettersi sulla A11; chi viene da Genova o Livorno, prendere l’Autostrada A12 e allo svincolo di Pisa Nord immettersi sulla A1 direzione Firenze, quindi prendere la A11.

 

Hotel e b&b a Pistoia

Se non sapete dove dormire a Pistoia, abbiamo selezionato 3 indirizzi per ogni fascia di prezzo.

B&B CANTO ALLA PORTA VECCHIA: al primo piano di un magnifico palazzo toscano, le ampie camere di questo bed and breakfast, in funzione dal 2001, sono tutte decorate in modo diverso e con grande gusto. La mattina, è molto piacevole fare colazione nel bel salone, o sull’incantevole terrazzo con vista sui tetti di Pistoia. Comfort, calore, convivialità… Un indirizzo d’oro, situato nel centro storico di Pistoia, a due passi dal Duomo!

HOTEL PICCOLO RITZ***: situato vicino al centro storico e a soli 250m dalla stazione ferroviaria, questo hotel offre camere eleganti con arredi classici e una terrazza arredata in comune. Colazione a buffet assortita con cornetti freschi e prodotti locali. Connessione Wifi gratuita.

ANTICO CONVENTO PARK HOTEL ET BELLEVUE****: situato tra le colline toscane, a 4 km dal centro di Pistoia, questo splendido hotel era anticamente un convento francescano.

CONDIVIDI SU:

Guarda anche...



Guarda anche...

Trova Offerte Hotel