Menu Chiudi
Posted in In Italia

Il Fiordo di Furore, come arrivare in questo piccolo paradiso nascosto in Campania

fiordo-di-furore

La costiera amalfitana offre un’infinità di scorci panoramici e di spiagge meravigliose, ma tra i posti più unici della zona, c’è la stretta apertura conosciuta come fiordo di Furore. Scopri dove si trova e come arrivarci…

 


Il fiordo di Furore, uno spettacolo della natura

Il fiordo di Furore è una sorta di porto naturale, dove è possibile arrivare solo dal lato del mare, sormontato da un arco naturale roccioso che completa perfettamente la maestosità di questo luogo. Un’insenatura creata dal torrente Schiato che scorre tra le rocce, ha creato una valle che si apre verso il mare. Si trova vicino al piccolo paese di Furore, il cui nome deriva dal latino Terra Furoris, per il rumore assordante delle onde che si infrangono sulla scogliera.

 

fiordo-di-furore
ponte del fiordo vicino Furore

 


Nelle vicinanze del fiordo, ci sono un piccolo villaggio di pescatori con poche case, abitato da secoli, e alcuni mulini del XVII secolo alimentati dal flusso dell’acqua. Anticamente, gli abitanti del luogo si dedicavano alla pesca, alla pastorizzazione del latte e all’artigianato, come testimoniano questi vecchi mulini ad acqua sparsi lungo il torrente del fiordo. Ulivi, viti su terrazzamenti si arrampicano sul fianco della montagna, con pergolati di limoni giallo brillante, tetti rossi e tegole di maiolica colorata del notevole campanile, l’intera scena profumata di fiori ed evidenziata dal mare trasparente di un blu intenso. Una cosa è sicura, ricorderete questo posto per il resto della vostra vita!

Una delle più famose attrici italiane di tutti i tempi, Anna Magnani, viveva lì con il regista Roberto Rossellini. Ora, in una delle case, c’è un museo a loro dedicato. La minuscola spiaggia è sormontata da un ponte sulla strada principale che collega i paesi della Costiera Amalfitana, creando un aspetto ancora più iconico. Sui due ripidi versanti del fiordo, alcuni sentieri scendono verso il paese.


 

Escursioni sulla costa

Il fiordo di Furore è un rifugio naturale unico nel suo genere, ricco di bellezze naturali. Per chi ama il trekking, ci sono alcuni percorsi da effettuare, in particolare:

 


fiordo-di-furore1
Vista sul ponte del fiordo di Furore

 

  • Il “Sentiero della Volpe Pescatrice”: l’antico borgo di pescatori, con le sue due caratteristiche scalinate, è il punto di partenza di questo sentiero che si snoda tra i fitti colori mediterranei per arrivare ai terreni del Furore Inn Resort e all’esclusivo ristorante del Resort, che ha preso il nome del sentiero.

 

  • Il Sentiero “I Pipistrelli Impazziti”: sul versante orientale della valle, un sentiero botanico ben segnalato conduce a Punta Tavola presso Conca De Marini. Il sentiero, che si snoda tra lecci e carrubi, passa davanti ai mulini e ai canali per arrivare alla solitaria e ormai silenziosa cartiera, il cosiddetto “regno dei pipistrelli”. Si visita la chiesa di Sant’Elia, costruita nel XIII secolo, dove si può ammirare un trittico di Angelo Antonello da Capua.

 

Dove si trova il fiordo di Furore?

Il Fiordo di Furore è situato ai piedi della scogliera a picco sul mare, lungo la SS 163 (strada statale) tra Amalfi e Positano, in Campania.


 

 

Come arrivare al fiordo di Furore?

Potete raggiungere il paese di Furore e il suo Fiordo in due modi:

  • In auto: si può arrivare a Furore in auto percorrendo la Statale Positano-Amalfi. Sul sito del comune di Furore, ci sono tutte le indicazioni per raggiungere il paese e il bellissimo fiordo. Si può accedere alla piccola spiaggia di Furore solo a piedi, e non in auto, scendendo dalla Statale attraverso un percorso nella parte rocciosa. Sulla Statale, solo i motorini possono sostare e non le auto per lasciare fluida la viabilità.

 

  • In autobus: è possibile arrivare a Furore con gli autobus locali (SITA), che fermano a pochi passi dal ponte del Fiordo. Da lì, una gradinata vi guiderà fino alla spiaggia. Lo scenario è pittoresco con i pescherecci sulla riva e la piccola spiaggia nascosta sotto la strada… e l’atmosfera unica del fiordo ne fa una degna sosta!

Guarda anche...


Guarda anche...